A: Theresa May, Primo ministro del Regno Unito

In 37 paesi del Commonwealth possono ancora rinchiuderti in prigione solo perché sei gay. E quale sarebbe il fondamento giuridico della maggioranza di tali condanne? Antiche leggi coloniali britanniche che non sono mai state abolite.

I capi di governo di TUTTI i paesi del Commonwealth si recheranno a Londra in occasione del loro summit biennale.

Firma per chiedere al Primo ministro britannico di scusarsi per l’eredità omofobica lasciata dal Regno Unito.

Questa campagna è terminata.

Seguici su Facebook e Twitter per scoprire le nostre nuove campagne per l'amore e l'eguaglianza.

Aggiornamento - 17 aprile 2018: durante il summit del Commonwealth a Londra Theresa May, Primo ministro britannico, ha detto di essere "molto dispiaciuta" per il ruolo giocato dal Regno Unito nel diffondere leggi anti-gay nel mondo. Complimenti a The Commonwealth Equality Network per il grande impegno nel conseguire questo successo! Continueremo a lavorare per fare in modo che a queste parole seguano azioni concrete.

---------------------------

In ogni paese con leggi anti-gay, ci sono delle vite in gioco. 

Una donna dello Sri Lanka che non può andare alla polizia dopo essere stata aggredita perché è lesbica. Un gay in Nigeria che si trova dietro le sbarre a causa della sua omosessualità. Un omosessuale di Singapore che ha paura di denunciare un furto e un’aggressione sessuale perché teme di essere accusato di “oltraggio al pubblico pudore”. In tutto il Commonwealth, la persecuzione e la violenza anti-gay obbligano le persone a fuggire dai loro paesi e a chiedere asilo.

Molti leader del Commonwealth sfruttano il luogo comune per cui l’omosessualità è “un’importazione di provenienza occidentale” e quindi come tale deve essere estirpata. Ma ora abbiamo una grande opportunità per ristabile la verità.

Se migliaia di noi esorteranno il Primo ministro del Regno Unito a chiedere scusa per le leggi anti-gay che l’Impero britannico ha imposto in passato, potremo dimostrare la verità, ovvero che non è l’omosessualità a essere “un’importazione occidentale”, ma le leggi omofobiche lo sono.

Firma la petizione per chiedere al Primo ministro britannico di scusarsi per l’eredità omofobica lasciata dal Regno Unito.

Questa campagna è condotta in collaborazione con African Rainbow Family, EQUAL GROUND Sri Lanka, Kaleidoscope Human Rights Foundation Australia, Leitis Association and the Pacific Sexual Gender Diversity Network Tonga, NAZ Pakistan, Oogachaga Singapore, Out-Right NamibiaPeter Tatchell Foundation (PTF)Sexual Minorities Uganda, Spectrum Uganda Initiatives, UK Black Pride, United Belize Advocacy Movement e Women’s Health and Equal Rights Initiative.

Pubblicato il 10 aprile 2018.

Questa è una campagna di All Out Action Fund, un'organizzazione non a scopo di lucro di tipo 501(c)(4).