Obiettivo

160,000

firme

0

A: Ministro dell’Istruzione della Repubblica Popolare Cinese

I libri di testo scolastici in Cina predicano l’odio omosessuale. Circa la metà di questi libri considera l'omosessualità come una malattia che dovrebbe essere curata e alcuni arrivano persino a suggerire delle terapie d’urto come “cura”. I libri di testo dovrebbero insegnare ai giovani l'amore e l’uguaglianza in modo giusto e obiettivo, invece di diffondere bugie e odio.

Faccio appello a lei affinché questi libri di testo siano rimossi e sostituiti con libri che insegnino ai giovani l'amore e l’uguaglianza in modo giusto e obiettivo.

Questa campagna è terminata.

Seguici su Facebook e Twitter per scoprire le nostre nuove campagne per l'amore e l'eguaglianza.

Aggiornamento - 30 maggio 2017: oggi abbiamo consegnato le firme a Chen Baosheng, ministro dell'Istruzione cinese. Continueremo a monitorare la situazione e lavorare con i nostri partner finché tutti i libri scolastici anti-gay saranno rimossi dalle scuole cinesi.

---------------------------

Aggiornamento - 15 maggio 2017: Su richiesta di Qiu Bai, China Renmin University Press, una delle maggiori e più rispettate case editrici universitarie, e alcuni altri editori hanno promesso di rimuovere tutti i contenuti anti-gay dai loro testi scolastici. Continueremo la nostra campagna con gli attivisti cinesi per chiedere al Ministero dell'Educazione di ritirare tutti i testi scolastici anti-gay.

---------------------------

“Essere gay è una malattia”. Ecco cosa dicono i libri di testo delle università cinesi.

Qiu Bai ha ventuno anni, è lesbica... e queste pericolose bugie le venivano insegnate a lezione.

Dopo che il Ministero dell’Istruzione cinese l’ha ignorata per mesi, ha deciso di sporgere denuncia. L’incredibile verdetto è stato appena pronunciato: il tribunale afferma che poiché i testi anti-gay non costituiscono un attacco personale, non si può fare niente.

Lei non si dà per vinta, ma ha bisogno di te.

Se migliaia di persone si uniscono all’appello di Qiu Bai, possiamo fare in modo che questa storia sia diffusa a livello internazionale. Così dimostreremo al Ministero dell’Istruzione che non è sola. E che tutto il mondo li osserva. Vuoi firmare?

Pubblicato il 1 November 2016

Questa è una campagna di All Out Action Fund, un'organizzazione non a scopo di lucro di tipo 501(c)(4).